Labbra: il passaporto del sorriso

Le labbra sono l’emblema della sensualità femminile, ma sono anche molto sensibili e delicate e richiedono grandi cure, sia d’estate che d’inverno. Ecco alcuni consigli su come mantenerle sempre morbide e idratate.

La bocca in una donna raramente passa inosservata e le labbra si contraddistinguono per la carica di sensualità e magnetismo che possono esprimere. Tuttavia sono anche una parte estremamente delicata, molto sensibile agli agenti atmosferici e… purtroppo… al tempo che passa. Capita spesso, sia d’estate che d’inverno di ritrovarsi, a causa degli agenti atmosferici, con labbra secche, screpolate, opache e sanguinanti, per non parlare della possibile insorgenza del fastidiosissimo herpes. Per questo è molto importante dare la giusta attenzione a questa zona così piccola ma allo stesso tempo così importante.

Strutturalmente il labbro è costituito da tre strati: quello superficiale è dato dalla cute, quello intermedio dallo strato muscolare e quello profondo dalla tonaca mucosa. La cute è formata da epidermide e derma. L’epidermide è formata da un epitelio pavimentoso pluristratificato, mentre il derma è ricchissimo di fibre elastiche. Lo strato muscolare (M) è formato in prevalenza dal muscolo orbicolare della bocca. La tonaca mucosa è sottile ed è rivestita da un epitelio pavimentoso pluristratificato (Em).

Labbra: il passaporto del sorriso

Il labbro superiore è delimitato dal solco naso-labiale e dal solco labio-genieno, mentre il labbro inferiore confina in basso con il solco mento-labiale. Il margine libero delle labbra è roseo o rosso, si chiama vermiglio, ed è separato dal resto del labbro dal bordo del vermiglio.  Il vermiglio trae il suo colore dal derma sottostante, riccamente vascolarizzato, che qui è ricoperto solo da un sottile rivestimento epidermico poco cheratinizzato, che presenta aspetti di cornei­ficazione estremamente irregolari.  Questo sottile strato epidermico si trasforma gradualmente in mucosa, rivestendo completamente le labbra in prossimità della rima buccale.

La mucosa, per la sua struttura, non riesce a trattenere l’acqua così come fa la cute, e per questo è più facile che si disidrati rapidamente. Su di essa, inoltre, non sono presenti le ghiandole sebacee, e per questo, non creandosi il sebo, viene a mancare il film idrolipidico, ovvero quella emulsione naturale che riveste la pelle, che è sia in grado di proteggerla dagli insulti esterni, sia di trattenere l’acqua.

L’utilizzo di prodotti non adeguati, la scarsa idratazione, il freddo, le radiazioni UV, le carenze vitaminiche, così come il costante stress meccanico a cui sono sottoposte le labbra nell’atto di parlare, ridere e mangiare, possono determinarne assottigliamento, invecchiamento e modifiche strutturali.

Labbra: il passaporto del sorriso

Qualche consiglio utile per mantenerle sempre morbide perfette:

cercare di umettarle e di idratarle più volte al giorno;

applicare sempre uno strato di burro di cacao, gloss o rossetto, possibilmente a base di vitamine;

bere almeno 8 bicchieri di acqua al giorno;

mangiare molta frutta e verdura;

applicare un sottile strato di vaselina prima di andare a dormire per idratarle in profondità durante il sonno;

evitare prodotti profumati, aromatizzati o colorati o contenenti allergeni;

usare dei prodotti che abbiano anche un fattore di protezione solare (almeno 15) per proteggerti dai danni del sole;

ogni tanto effettuare una lieve azione esfoliante, strofinando ad esempio le labbra con lo zucchero o con qualsiasi alimento dalla consistenza granulare, oppure con un composto a base di olio di oliva, miele e zucchero. Evitare invece l’azione del sale, che è invece irritante e secca le labbra.

in caso di arrossamento, applicare un po’ di gel di aloe vera;

evitare di leccarsi op mordersi le labbra;

non utilizzare rossetti o balsami per labbra che si conservano da più di un anno, in quanto potrebbero contenere numerosi batteri;

non applicare più prodotti in un’unica volta. Consentire alle labbra di respirare.

Photo Credits: Twitter/Facebook

Impostazioni privacy