Ricostruiscono il pene con i tessuti dell’avambraccio: com’è andata

Un paziente affetto da cancro era stato costretto all’amputazione delle parti intime e dei linfonodi inguinali: grazie ad un delicato intervento effettuato dalla Molinette di Torino ha superato impotenza e depressione.

Un paziente oncologico era stato sottoposto ad una durissima operazione per asportare una massa tumorale individuata dai medici. Purtroppo era stato necessario amputare la quasi totalità del pene e dei linfonodi inguinali. Un brutto colpo per un uomo sulla quarantina, che si vedeva così improvvisamente privato della sua virilità e della possibilità di avere una vita sessuale normale. Il contraccolpo emotivo era stato forte e l’uomo era caduto in depressione: grazie a chemioterapia e intervento chirurgico era guarito dal tumore, ma sotto il profilo psicologico il peggio doveva ancora arrivare.

La sua vita sociale cominciò ad azzerarsi: per lui era impossibile rapportarsi agli altri come se nulla fosse cambiato. Così, dopo aver sconfitto un terribile male, un altro altrettanto terribile aveva bussato alla sua porta: la depressione. Quella problematica fisica era diventata un macigno pesante dal quale faceva fatica a liberarsi. Per fortuna però la sua determinazione lo aveva spinto a muoversi in altre direzioni e a cercare un modo per recuperare la propria virilità. La soluzione è stata servita su un piatto d’argento dalla Clinica Urologa universitaria dell’ospedale Molinette della Città della salute di Torino, una tra le strutture più valide e all’avanguardia di tutto il territorio nazionale.

Gli specialisti della struttura hanno sottoposto il paziente ad una serie di accertamenti per comprendere se era possibile intervenire chirurgicamente. La risposta ha permesso al quarantenne di tirare un enorme sospiro di sollievo: un’équipe avrebbe potuto ricostruire le sue parti intime con un lembo microchirurgico prelevato dell’avambraccio sinistro. “Siamo riusciti a restituire al paziente la sua mascolinità”, hanno detto i medici. In effetti l’uomo potrà tornare ad avere una regolare attività sessuale non appena sarà impiantata una protesi idraulica. È solo questione di tempo: per il resto questo intervento record è perfettamente riuscito.

Ricostruiscono il pene con i tessuti dell'avambraccio: com'è andata

LEGGI ANCHE: TUMORE AL PANCREAS, SCOPERTO A TORINO UN VACCINO EFFICACE

Photo credits Facebook

Impostazioni privacy