Uova di cioccolato e bambini: attenzione a infezioni e allergie

Per far impazzire un bambino basta metterlo davanti a uova di cioccolato e ovetti di zucchero. È ciò che accadrà tra pochissimi giorni con le festività pasquali, ma compito importante di tutti i genitori sarà quello di controllare i loro piccoli, poiché un abuso di questi alimenti potrebbe provocare intossicazioni, infezioni intestinali e addirittura allergie. Le raccomandazioni arrivano dai pediatri della Sitip (Società italiana di infettologia pediatrica) il cui obiettivo è quello di salvaguardare la salute dei minori durante Pasqua e Pasquetta.

LEGGI ANCHE: RICETTE TRADIZIONALI DI PASQUA, LA TORTA DELLE ROSE

Sono giorni di festa e tutti mangiano un po’ di più, ma buttarsi a capofitto sulla cioccolata può essere deleterio soprattutto per i bimbi: “In questo periodo, per aiutare i nostri figli a restare in salute – ha consigliato Susanna Esposito, presidente della Sitip – non è necessario privarli dei gusti stagionali, ma è molto importante fare attenzione ai cibi che loro mangiano: negli alimenti possono essere presenti agenti patogeni (batteri, virus, parassiti) o tossine di origine microbica che a contatto con l’organismo umano possono risultare dannosi per la salute, dei bambini soprattutto. Tali alimenti, una volta ingeriti, possono provocare tossinfezioni alimentari“.

Così i pediatri dettano una lista di accortezze che le mamme e i papà devono tenere bene a mente: la prima regola è non esagerare con le uova di cioccolato e scegliere solo prodotti di qualità. Capita spesso che il bambino venga sommerso di uova regalatagli da nonni, zii e amici: invece di fargliele mangiare tutte, selezionarne alcune e le altre utilizzarle per dolci e budini da preparare nelle settimane successive alle festività pasquali. I pediatri ricordano che il cioccolato se mangiato in eccesso può scatenare anche allergie.

LEGGI ANCHE: PASQUA ALLE PORTE, I TRUCCHI PER NON INGRASSARE CON UOVA DI CIOCCOLATO E COLOMBA

Gli esperti tirano in ballo anche i salumi e consigliano di non abusarne perché possono essere all’origine di intossicazioni alimentari come il botulismo. I medici raccomandano di fare molta attenzione anche alle uova crude e alle verdure non lavate per il rischio di contrarre la salmonellosi. Se a Pasquetta si organizza un pic-nic, fare prima alcune raccomandazioni ai propri bimbi: dopo aver giocato a calcio o essersi rotolati sul prato non mangiare con le mani sporche, se possibile lavarle a una fontanella o con un po’ d’acqua portata da casa, sennò sarà responsabilità dei genitori munirsi in anticipo di salviette igienizzanti e amuchina.

Infine i pediatri della Sitip danno alle mamme e ai papà 4 suggerimenti non alimentari per salvaguardare la salute dei propri figli: prima di esporre i bambini al sole proteggere accuratamente con cappellino e occhiali e spalmare sulle parti scoperte (braccia, viso, collo) una crema a schermatura alta o totale. Non coprire troppo i bambini ma neanche scoprirli troppo in fretta: meglio un abbigliamento a cipolla. Portare sempre con sé un kit di primo soccorso soprattutto se si viaggia o si organizzano escursioni, infine coinvolgere sempre i più piccoli giocando con loro e leggendo insieme libri adatti alla loro età in modo che non si annoino passando il tempo a mangiare cioccolata.

Foto by Facebook

Impostazioni privacy