Olio di Camelia, il segreto delle donne orientali

Pelle di porcellana, capelli lucidi e setosi. Il segreto delle donne giapponesi? L‘olio di camelia, usato da secoli in Oriente come cosmetico. I fiori della camelia, delicati ed eleganti, vengonoutilizzati in Giappone come decorazione per la cerimonia del tè, mentre l’olio che ne viene estratto, di un colore giallo e profondo, diventa un prezioso alleato per la bellezza delle donne. Vi sono due tipi di oli estratti dalla pianta del tè: uno non profumato, che viene utilizzato per la cura e l’idratazione della pelle, e uno con una leggera fragranza di gardenia usato per i capelli.

SAPONE DI ALEPPO: ALLEATO PER LA CURA DI PELLE E CAPELLI

L’olio di camelia contiene l’80% di acido oleico monoinsaturo e trocoferoli, ricchi di vitamina E: potente antiossidante, è fondamentale per la cura del corpo perché ne conserva l’elasticità e la giovinezza; elevata è anche la percentuale di acido oleico, dalle proprietà idranti e protettive. Utilizzato puro, quest’olio è ottimo contro l’acne per le sue proprietà antisettiche: basta diluirlo con un po’ d’acqua e passarlo sulla zona interessata dall’inestetismo, lasciarlo riposare 15 minuti e poi sciacquare. Per i capelli si può massaggiare sulla cute prima di procedere al normale shampoo, in modo da attivarne le proprietà ed eliminare forfora e sporco.

Quasi tutti i prodotti in commercio contengono al loro interno l’olio di camelia, ma alcuni ne sfruttano a pieno le proprietà. E’ il caso di Lush, che nella crema per il viso “Paradiso all’improvviso” utilizza questo ingrediente per idratare le pelli grasse che hanno bisogno di un prodotto leggero. Anche Kerastase sceglie l’olio di camelia per il suo “Elixir Ultime” combinandolo con altri ingredienti come l’olio di argania e rendendolo un prezioso alleato per la morbidezza e la lucentezza della chioma. La crema corpo al tè bianco del l’Erbolario sfrutta le proprietà cicatrizzanti e tonificanti della camelia per una lozione idratante, perfetta contro le smagliature e i piccoli inestetismi.

Photo by Facebook

Impostazioni privacy