Artrite psoriasica: si cura con un nuovo farmaco biologico

In Italia, l’artrite psoriasica colpisce circa 600 mila persone, e la diagnosi arriva con circa 3-5 anni di ritardo rispetto ai primi sintomi; un ritardo che può pregiudicare le cure e la loro efficacia. Questo è quanto emerso durante l’incontro promosso da Janssen a Milano sulle malattie reumatiche infiammatorie. Su 100 persone con la psoriasi almeno il 30% svilupperà l’artrite, con gonfiore, dolore e difficoltà nel movimento degli arti.

DAL SUCCO DI POMPELMO UN AIUTO PER PERDERE PESO

Da oggi, per curare l’artrite psoriasica, si può utilizzare il ustekinumab, farmaco biologico che ha ottenuto il rimborso a carico del Sistema sanitario nazionale. Ignazio Olivieri, presidente della Società italiana di reumatologia, spiega come funziona andando ad agire su nuove molecole: ” Si tratta di un nuovo asse che potrebbe avere un ruolo più importante nel trattamento dell’artrite psoriasica, rispetto ai farmaci biologici già disponibili che invece agiscono sugli inibitori del Tnf. Questo trattamento risulta più efficace sia sulla componente psoriasica che su quella muscoloscheletrica“. Il farmaco ha effetti benefici se usato entro un anno dalla comparsa dei primi sintomi, per questo la diagnosi tempestiva è fondamentale e i medici devono essere in grado di farla.

L’artrite psoriasica può rendere la vita davvero difficile a chi ne è affetto: alzarsi, lavare i piatti, vestirsi tutto può diventare impossibile. Senza contare il danno psicologico e l’esenzione per invalidità, che ancora non è prevista. I farmaci biologici come ustekinumab vengono prescritti a chi non risponde alle normali cure, perché sono comunque troppo costosi per il SSN; in realtà, come spiegano i medici, garantiscono un miglioramento della vita e nel lungo periodo una spesa minore per la sanità. La sfida è “far capire alle istituzioni che se passano i farmaci innovativi evitano il maggior dispendio di risorse necessario per curare un mare di invalidi”, ha sottolineato Maria Grazia Pisu, presidente dell’Associazione malati reumatici Lombardia.

photo by Facebook

Impostazioni privacy